mercoledì 9 gennaio 2013

LE CAPESANTE E L'INTINGOLO

Di solito si fanno gratinate.
Ma c'ho il moroso in fase anticonformista.
Già comprare le capesante, così tipicamente anni 80, non è da lui.
E cosí le ha gentilmente annegate in un intingolo di pomodoro, olio, sale, pepe, curry, noce moscata, rosmarino, origano...
Ma tutta sta roba ci hai messo???
Anche il coriandolo.
Boh.
Alla fine non erano male però.
...stasera riatorante peró.
É meglio.

9 commenti:

  1. In realtà non mi fanno impazzire in nessun modo: solo la conchiglia va bene, da incastonare nel bordone di pellegrina di Compostela

    RispondiElimina
  2. Io AMO le capesante. Soprattutto crude. E senza tutta quella roba che - probabilmente - ne copre il sapore. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi fanno impazzire crude, ma bisogna sempre fare attenzione che non siano troppo cotte, diventano peggio di una Gomma da masticare se sono troppo cotte.

      Elimina
  3. Lì da voi li fanno i corsi di fotografia?!? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, ma di solito a me fanno fare la modella :)

      Elimina
  4. tesoro mi si è incrociato lo sguardo...
    io per il primo gennaio ho gustato una lasagna alle zucchine e capesante che era da urlo (ma non l'ho fatta io)

    mandi ricetta di queste pliiss?

    RispondiElimina
  5. Gli scampi annegati con tutta qulla roba lì, ma senza curry e con aglio, fatti saltare in padella per pochi minuti, giusti il tempo di sfracellargli la testa, sono ottimi e con il sughetto puoi condirci le trennette.
    Altro che ristorante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MMM...bbbuoni. Anche le cicale secondo me vengono bene fatte così, ma è uno sbattimento mangiarle, mi faccio sempre del male

      Elimina